Cosa vedere in Umbria Itinerario Umbria Italia Passione Passaporto

Ecco il mio itinerario in Umbria. Un on the road tra paesaggi verdeggianti, borghi medievali, capolavori artistici e buona cucina.

E’ stata la mia prima volta in Umbria e mi è piaciuta molto.

È una regione che sembra sospesa nel tempo. Genuina, tradizionale, a tratti inesplorata e con un fascino “vintage” e marcatamente italiano.

Mi ha ricordato la Toscana, la parte di Montepulciano e dintorni, che io adoro particolarmente. Però, rispetto a quest’ultima, più incontaminata e autentica: in Umbria ti sembrerà di fare un salto nel passato: nel Medioevo, precisamente.

Inoltre torta al testo, strangozzi, salumi e tartufo ovunque: l’Umbria è per i buongustai e, anche a tavola, ha molto da raccontare.

Cosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoItinerario in Umbria Cosa vedere in Umbria Viaggio onte road umbria Italia Passione Passaporto

Itinerario in Umbria

Un itinerario on the road di 5 giorni, da cui tornerai a casa felice e soddisfatto per aver esplorato, in parte, quello che di più bello questa regione ha da offrire.

Infine, anche i consigli su qualche tappa da aggiungere per chi ha più giorni a disposizione o, da togliere, per chi ne ha meno.

Giorno 1: arrivo a PERUGIA

Perugia è il cuore dell’Umbria e l’anello di congiunzione tra paese e città. E’ bellissima da esplorare, da scoprire e da vivere.

Sono arrivata nel tardo pomeriggio, in tempo per un primo giro di perlustrazione e per un’ottima cena al Civico 25, un ristorantino consigliatissimo in Via della Viola, la mia zona preferita della città che, anche se non cenerai qui, dovrai visitare a tutti i costi (preferibilmente dal tardo pomeriggio in poi).

Piena di graffiti e decorazioni creative sui muri, è la strada degli artisti e dei locali pittoreschi⁣⁣⁣: la chiamano il “Montparnasse” di Perugia.

Perugia è vivace, viva, giovane, pittoresca e frizzante. E in generale, è la sera che offre il meglio di sé.

Ecco, qualche foto di Via delle Viola e dintorni. Di giorno però, perchè le foto venivano meglio!

Via della Viola rioni perugini Perugia centro storico cosa vedere a Perugia Umbria Italia Passione PassaportoVia della Viola rioni perugini Perugia centro storico cosa vedere a Perugia Umbria Italia Passione PassaportoVia della Viola rioni perugini Perugia centro storico cosa vedere a Perugia Umbria Italia Passione Passaporto

Giorno 2: PERUGIA – GUBBIO – ASSISI

Dedica tutta la mattina alla visita di Perugia.

In realtà occorrerebbe più tempo, infatti se ne hai a disposizione prenditela con più calma, altrimenti sarà comunque sufficiente per vedere le cose principali.

Oltre alle attrazioni più note e alle piazze principali non perderti l’esplorazione dei vicoli perugini, alla scoperta dei cinque rioni che da Piazza IV Novembre si estendono come punte di una stella e, anche, la vista panoramica da Porta Sole.

I dettagli e le altre cose da vedere e da fare a Perugia le trovi nel mio articolo dedicato.

Cosa vedere a Perugia Piazza IV Novembre Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere a Perugia Porta Sole Centro storico Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere a Perugia Porta Sole Centro storico Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere a Perugia Porta Sole Centro storico Umbria Italia Passione Passaporto

Dopo pranzo riparti per GUBBIO.

Un piccolo borgo medievale che ho letteralmente adorato. Puoi parcheggiare la macchina nel parcheggio di Via della Repubblica (tariffa oraria: € 1,10 e poi € 0,40 le successive frazioni da 20 minuti).

La piazza principale, Piazza Grande, è stupenda, affacciata sulla città e le campagne circostanti e dominata dal Palazzo dei Consoli.

Qui, fai una pausa sedendoti al Caffè Ducale e fingi per un momento di essere sul set di Don Matteo: c’è un tavolo, appositamente allestito, per scattare una foto mettendosi nei panni di Nino Frassica e Terence Hill. Turistico? Troppo, ma anche altrettanto simpatico!

Prosegui e passeggia a caso tra il reticolo di stradine medievali e fatti guidare dalla curiosità.Cosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a Gubbio Centro storico di Gubbio Umbria Italia Passione Passaporto

Quando sarai sazio, preparati a ripartire. Direzione: ASSISI.

Distante meno di un’ora di macchina da Gubbio.

Il tuo soggiorno ad Assisi sarà decisamente migliore se deciderai di alloggiare all’Hotel Ideale. Pur trovandosi nel centro storico, ha il parcheggio (interno e privato) incluso nella tariffa della camera e una terrazza panoramica su cui, nei mesi più caldi, viene servita la colazione.

Potrai così iniziare una piccola esplorazione di Assisi, che scoprirai nel dettaglio il giorno seguente.

Dove dormire ad Assisi Hotel Ideale Assisi centro storico Umbria Italia Passione Passaporto Dove dormire ad Assisi Hotel Ideale Assisi centro storico Umbria Italia Passione Passaporto

Giorno 3: ASSISI – SPELLO – RASIGLIA – SPOLETO

Prenditi tutta la mattinata per visitare Assisi: è piccola, il centro storico è raccolto e non ci vuole molto per visitarla.

Ho adorato il clima di spiritualità di questa cittadina, intenso e visibile come in pochi altri luoghi del mondo. Ne verrai letteralmente travolto.

Cosa vedere e dove mangiare ad Assisi ne parlo in maniera dettagliata nell’articolo dedicato.

Cosa vedere ad Assisi Basilica di San francesco Assisi Umbria Italia Passione PassaportoCosa vedere ad assisi centro storico Umbria Assisi Italia Passione Passaporto Basilica di Santa Chiara Assisi Cosa vedere ad Assisi Umbria Italia Passione Passaporto

La tappa successiva è a 15 minuti di auto da Assisi: SPELLO.

La città dei fiori. Questo basta per farti capire quanti sono i colori che potrai incontrare girovagando senza meta tra le sue stradine.

La tradizione dei cittadini del centro storico è quella di tappezzare le strade, i balconi e le porte delle loro case di fiori e di piante colorate, per adornare la città e vincere il premio del vicolo fiorito più bello.

Mi ha ricordato Locorotondo, in Puglia, dove si tiene la gara per il balcone in fiore più bello di tutti.

Divertiti, come ho fatto io, a cercare gli ultimi vincitori sul podio. Chiedi ai locali e, per non sbagliarti, c’è anche una mattonella che ne attesta il bramato titolo.

Cosa vedere in Umbria cosa vedere a spello città dei fiori umbria italia passione passaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a spello città dei fiori umbria italia passione passaportoCosa vedere in Umbria cosa vedere a spello città dei fiori umbria italia passione passaporto

Qui, il mio itinerario ha subito una variazione imprevista: RASIGLIA.

Dico imprevista perchè Rasiglia non era una tappa contemplata, ma mi è stata consigliata da un perugino, in quanto considerata da molti “la Venezia dell’Umbria” e gettonata per le scampagnate domenicali. In realtà qualche canale c’è, ma più che altro ci sono torrenti, ruscelli e piccole cascate.

Purtroppo non mi ha entusiasmato e non la consiglierei. Anzi, è meglio se prediligi altre tappe nei dintorni di Spello.

Cosa vedere in Umbria Rasiglia Italia Passione Passaporto

Ecco, quindi, l’ultima tappa del giorno: SPOLETO.

Io l’ho visitata di sera e, se come me, hai poco tempo ti conviene visitare la Parte Alta, dove si concentrano i più significativi monumenti della città.

Ti consiglio un aperitivo alla Prosciutteria del Corso, con focaccia ripiene o taglieri di formaggi e salumi locali di tutte le dimensioni, in Corso Giuseppe Mazzini, una via molto centrale.

Aperitivo a Spoleto cosa vedere in Umbria Salumeria del Corso Spoleto Umbria Italia Passione Passaporto

Giorno 4: CASTELLUCCIO DI NORCIA – NORCIA – LAGO DI PIEDILUCO

Il mio giorno preferito: il giorno in cui sono andata a vedere la Fioritura di Castelluccio di Norcia, nel Piangrande, una conca a 1452 metri di altezza, incorniciata dai Monti Sibillini e dominata dall’imponente Monte Vettore.

La prima cosa che c’è da sapere, però, è che la fioritura avviene solo in un determinato periodo dell’anno, quello che va da meta maggio a metà luglio e generalmente, il pieno dello splendore, ossia il momento in cui tutte le tipologie di fiori sono fiorite, è tra fine giugno e inizio luglio.

E’ uno spettacolo floreale unico al mondo, un tappeto multicolore che sembra la tela di un pittore impressionista. Ne parlo nel dettaglio qui.

Questo è anche il vero motivo per cui ho scelto di recarmi in Umbria, nonostante il caldo afoso, durante la prima settimana di luglio. Ne è valsa indubbiamente la pena. Però, non sottovalutare la possibilità di visitare queste zone anche in altri periodi dell’anno: il Piangrande e tutte le zone dei Monti Sibillini regalano panorami mozzafiato e infinite possibilità di trekking.

Fioritura Castelluccio di Norcia informazioni utili fioritura della lenticchia Umbria Italia Passione PassaportoFioritura Castelluccio di Norcia informazioni utili fioritura della lenticchia Umbria Italia Passione Passaporto Fioritura Castelluccio di Norcia informazioni utili fioritura della lenticchia Umbria Italia Passione Passaporto

Questa è la scusa per visitare anche NORCIA, distante meno di 30 km dal Piangrande.

La patria del buon cibo, dei salumi e del tartufo. E’ una delle capitali del prosciutto (pensa alle “norcinerie”) e uno dei posti in cui si mangia meglio in Italia. Ti consiglio di mangiare qui (scegli tu dove: è impossibile sbagliare) e di approfittarne per acquistare un pacco di prodotti e salumi locali. Io non pensavo neanche che esistessero così tante tipologie di salumi!

Purtroppo, però, scoprirai anche la dura realtà di Norcia: un centro storico inesistente, distrutto dal terremoto del 2016, ancora pieno di macerie e di impalcature, con i negozianti costretti in prefabbricati “provvisori”.

Ma quello che mi ha colpito di più sono i sorrisi di questa gente. La loro gentilezza, la loro cordialità. Me le porterò sempre con me.

Infine, dopo una degustazione di salumi locali e una delle cene migliori che esistano riparti per Piediluco. Tieni presente che le strade sono strade di montagna: ben percorribili e  asfaltate, ma tortuose. Tieni presente questo fattore se preferisci non guidare con il buio.

Piediluco è un piccolo paesino con un lago, che è un’ottima base per visitare le Cascate delle Marmore, distanti circa 9 km. E’ anche il paesino più carino che ho trovato nei loro dintorni. La sera, nel periodo estivo, è frequentato ed è molto rilassante prendersi un gelato e passeggiare sul lungolago.

Ho dormito all’Hotel Miralago, in una camera un po’ datata ma spaziosa e con vista sul lago. C’è anche una piscina a bordo lago e il parcheggio privato.

Visitare Norcia Cosa vedere a Norcia Mangiare a Norcia Umbria Italia Passione Passaporto Visitare Norcia Cosa vedere a Norcia Mangiare a Norcia Umbria Italia Passione PassaportoVisitare Norcia Cosa vedere a Norcia Mangiare a Norcia Umbria Italia Passione PassaportoVisitare Norcia Cosa vedere a Norcia Mangiare a Norcia Umbria Italia Passione Passaporto

Giorno 5: PIEDILUCO – CASCATA DELLE MARMORE – ORVIETO

Il paesino di Piediluco è piccolo e offre qualche delizioso scorcio urbano tra i vicoletti.

Il lago ha un perimetro di 13 km. E’ visitabile a piedi, con un giro in battello oppure con un canoa o un pedalò a noleggio.

Se non hai tempo, puoi omettere la visita di Piediluco e dirigerti direttamente verso la CASCATA DELLE MARMORE: tra le più alte d’Europa.

La portata d’acqua è controllata ed è massima solo in determinati orari, che cambiano in base alla stagione, così come gli orari di apertura. Puoi consultarli nel sito ufficiale.

Il costo del biglietto a tariffa intera è di €10. Tutte le altre informazioni utili per la visita le trovi qui.

Cosa vedere in Umbria Cascate delle Marmore Italia viaggiare in Italia Passione Passaporto Cosa vedere in Umbria Cascate delle Marmore Italia viaggiare in Italia Passione Passaporto

Terminata la visita, concediti la ciliegina sulla torta, prima del rientro: ORVIETO.

Dall’uscita dell’autostrada, percorri quei 6 km che ti conducono al centro storico e alla sua cattedrale. Il suo fascino lo cogli già da lontano, quando la vedrai isolata e in cima a una rocca.

Il Duomo di Orvieto è di una bellezza disarmante.

Il più bello che abbia mai visto. Non perdertelo per nessun motivo al mondo. L’esterno lascia senza parole, ma anche l’interno: adorno di affreschi e meraviglie artistiche. L’ingresso costa €5.

Ti consiglio un pranzo, un caffè o semplicemente una sosta alla Cantina Foresi. Un’enoteca a conduzione familiare in Piazza del Duomo, con i tavolini esterni da cui si può ammirare la cattedrale.

Un’altra cosa da vedere a Orvieto è il Pozzo di San Patrizio. Io non sono riuscita a visitarlo per la stanchezza, il caldo e anche per la mancanza di tempo. Ma ad Orvieto tornerò sicuramente perchè voglio esplorarla con calma, insieme a delle altre cittadine meravigliose che ci sono negli immediati dintorni.

Cosa vedere in Umbria Duomo di Orvieto centro storico di Orvieto Umbria Passione PassaportoCosa vedere in Umbria Duomo di Orvieto centro storico di Orvieto Umbria Passione Passaporto Cosa vedere in Umbria Duomo di Orvieto centro storico di Orvieto Umbria Passione PassaportoCosa vedere in Umbria Duomo di Orvieto centro storico di Orvieto Umbria Passione Passaporto

Itinerario in Umbria: tappe imperdibili, tappe facoltative e tappe aggiuntive

Cosa mi è piaciuto di più? 

La Fioritura di Castelluccio di Norcia e i panorami dei Monti Sibillini, in assoluto. Poi Perugia e Orvieto (anche solo per il Duomo).

Comunque anche le altre tappe mi sono piaciute e le rifarei tutte ad eccezione di Rasiglia: da escludere.

Se hai meno tempo togli un borgo tra Gubbio, Spoleto e Spello ed è assolutamente opzionale la visita di Piediluco.

Se hai più tempo alcune tappe aggiuntive potrebbero essere: il Lago Trasimeno, Trevi, Bevagna, Foligno, Todi e Narni. Ma anche Montefalco per le sue cantine (ti dice qualcosa il Sagrantino di Montefalco?).

BUON VIAGGIO!

Cosa vedere in Umbria Cosa vedere a Gubbio Umbria Italia Passione Passaporto Caffè Ducale Gubbio

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui